Home/ Libri/ Trattato di economia – Riflessioni semiserie sulla dimensione economica dell’esistenza di Roberto Castello e Andrea Cosentino

Trattato di economia – Riflessioni semiserie sulla dimensione economica dell’esistenza di Roberto Castello e Andrea Cosentino

12,00

396 disponibili

ISBN 9788865163948
112 pagine / 11×18 centimetri

396 disponibili

Categoria:

Descrizione

Trattato di economia

Riflessioni semiserie sulla dimensione economica dell’esistenza di Roberto Castello e Andrea Cosentino

ISBN 9788865163948
112 pagine / 11×18 centimetri

Se pensate di saperne di economia quanto ne sa una scimmia, questo “trattato” vi farà cambiare idea. Ne sapete molto meno. Un piccolo libro che vi farà divertire e pensare: in origine, “Trattato di economia” è un breve testo teatrale, nato dall’incontro fra Roberto Castello e Andrea Cosentino, due artisti atipici e diversi per generazione, ambito, formazione e percorso artistico, che si interroga con serietà – ma con esiti a volte esilaranti – sul denaro, sulla sua invadente onnipresenza e sulla sua sostanziale mancanza di rapporto con la realtà.

“Trattato di economia” è, appunto, un titolo altisonante e presuntuoso quanto lo è la pretesa dell’economia, e in particolare quella finanziaria, di essere la misura di ogni cosa. Lo spettacolo parte però da un altro presupposto: che l’economia in fondo abbia molto più a che fare con i nostri bisogni e i desideri, che con la finanza e il denaro. Un’agile libello che non solo traduce sulla carta il gesto performativo senza perdere la sua freschezza e la sua carica ironica ed eversiva ma – attraverso il batti e ribatti tra i due protagonisti – mette a nudo molte delle contraddizioni della nostra società e cerca una strada nuova.

Scrivono gli autori:

“L’unico modo per essere meno prigionieri di questo sistema economico è culturale. Ci potrà essere un cambiamento solo se cambieranno i nostri desideri. Dobbiamo provare a sviluppare un pensiero che ci porti a ridurre le sperequazioni, i conflitti, le sopraffazioni. L’obiettivo è riuscire a dare un senso alla nostra vita; l’arte e lo spettacolo costituiscono uno dei campi in cui, continuando a sbagliare, si elaborano i nuovi pensieri”.

L’introduzione, che inquadra il contesto economico, è di Sergio Beraldo, Professore di Economia Politica all’Università Federico II di Napoli. Un perfetto corollario al dialogo è invece la “recensione prezzolata” eticoestetica di Attilio Scarpellini, critico teatrale e saggista.

Con un intervento di Andrea Porcheddu, critico teatrale, giornalista e docente.
La postfazione, a cura di Altreconomia, certifica infine lo stato delle arte delle economie alternative.

Torna in cima