banner

THE SPEECH (2016)

creazione di LISI ESTARAS e IRENE RUSSOLILLO

 

Ha debuttato il 10 febbraio 2016, Roma - Equilibrio Festival / Auditorium Parco della Musica

in repertorio

interpretazione IRENE RUSSOLILLO

trattamento audio SPARTACO CORTESI

testo (adattato) ÉDOUARD LEVÉ (Autoportrait)

disegno luci VALERIA FOTI

produzione Fondazione Musica per Roma “Vincitore del Premio Speciale per l'interprete Equilibrio – Roma 2014”, ALDES

con il sostegno di MIBACT - MINISTERO per i Beni e le Attività Culturali e del turismo / Direz. Generale per lo spettacolo dal vivo, REGIONE TOSCANA / Sistema Regionale dello Spettacolo

collaborazioni les ballets c de la b / studio - Gent, MonkeyMind vzw, Santarcangelo dei Teatri

durata 30 min. ~

Nel 2014 Irene Russolillo vince il Premio Equilibrio come miglior interprete.
La giovane coreografa e performer, oltre al suo lavoro di interprete, è attiva da qualche anno con coreografie proprie e il Premio è stata per lei occasione di scegliere un artista con cui collaborare per la creazione di un nuovo solo. Lisi Estaras, artista argentina di base in Belgio, storica interprete dei principali spettacoli di Alain Platel e già coreografa de les ballets C de la B, ha accolto l'invito e ha deciso di creare con e per Irene il pezzo the speech.
Prendendo spunto da un recente assolo di Estaras, debuttato in Belgio lo scorso ottobre, the speech è una nuova riflessione su come costantemente cerchiamo di riempire i nostri personali “spazi vuoti”. Talvolta, ci avviciniamo ad essi un po' di più, lasciandoci andare alle nostre memorie fisiche ed  emotive e riusciamo persino a manipolare la nostra storia, così simile, in fondo, a tante altre storie. E' un tentativo stralunato di instaurare un discorso diretto col pubblico e far sì che legga i nostri pensieri e il nostro linguaggio, fatto di una gestualità muscolare. Un invito che rivela qualcosa di intimo; un appello dolce e disperato o forse solo una scusa, per mostrare senza filtri l'essenza di ciò che siamo.

teaser video: https://vimeo.com/148730536

recensioni >>>

Gaia Chernetich e Alessandro Iachino / Teatro e Critica
http://www.teatroecritica.net/2016/05/fabbrica-europa-all-that-jazz/

Benedetta Colasanti - CORRIERE SPETTACOLO
http://corrierespettacolo.it/the-speech-dialoghi-interiori/

Ludovica Avetrani - NucleoArtZine
http://nucleoartzine.com/equilibrio-2016-compagnia-cuencalauro/

----------------------------------------------------------

 

intervista di Altrevelocità
http://www.altrevelocita.it/teatridoggi/3/interviste/372/irene-russolillo-the-speech.html

Benedetta Colasanti - CORRIERE SPETTACOLO - 15/05/16

[…] Quello di Irene Russolillo è un espressionismo che ... può diventare ironia e divertimento. [...] un’artista a 360°, capace di cantare, recitare, danzare, e immedesimarsi perfettamente in un ruolo. [...] La performance è il perfetto equilibrio tra dramma e soddisfacimento delle pulsioni [...]

Ludovica Avetrani - NucleoArtZine - 19/2/2016

" [...] Il turbinio di pensieri è verbale e nella forma cantata, è nel movimento accennato e in quello più elaborato è nella ripetizione costante e in crescendo, goffa e stramba o posata ed audace, che si spegne e si riaccende, bruciandosi ed affievolendosi per poi ripartire scattosa e frammentata; è nel tappeto sonoro quasi impercettibile, che si ripete a loop e che ricorda il suono che esce dalle cuffie di qualcuno che si incontra sul vagone della metropolitana, perso nei meandri della sua mente, che canticchia fra sé e sé un motivo Pop banale ma orecchiabile. La danza della Russolillo è autoironica e divertente, la sua espressività esplode nel contrasto e coglie il tempo comico. Quella figura – che racconta un po’ sé quasi scusandosi della sua singolarità ma strizzando l’occhio alle singolarità di tutti – raccoglie lo sguardo degli spettatori, in un gioco che fa rimbalzare energia fra lo spazio scenico e la platea. [...]"

LISI ESTARAS

è nata nel 1971 a Cordoba (AR). Ha fatto i suoi studi di danza a Cordoba (Argentina) e a Gerusalemme presso la Rubin Academy of Music and Dance. In seguito, ha collaborato con l'Ensemble Batsheva diretto da Ohad Naharin, a Tel Aviv. Dal 1997, Lisi lavora per les ballets C de la B. Come danzatrice ha preso parte a Iets op Bach, Wolf, vsprs et pitié!, C(H)ŒURS e tauberbach di Alain Platel e in Tempus Fugit di Sidi Larbi Cherkaoui. Negli anni, ha realizzato anche i progetti personali Bartime (Campo, Gand), Cocina Erotica e No Wonder con Constanza Macras (Schaubuhne, Berlin). Con les ballets C de la B, he realizzato Patchagonia, Bolero, The Gaza Monologues, primero-erscht e Dans Dans, co-produzione dei ballets C de la B con het Kip (Gand) e A distancia. Recentemente, ha curato le coreografie di “Hiob” per Sandra Strunz (Theater Bonn), di “Das Brennende Haus” diretto da Emilio Garcia Wehbi e Maricel Alvarez (Stad Theater Bern), di “The Hamilton complex” diretto da Lies Pauwels (Het Paleis, Antwerpen); è stata coach per “Ladycock” l'ultima produzione di Het Kip con les ballet C de la B. Il suo ultimo lavoro è “ La esclava” un solo di cui è interprete, creato con Ayelen Parolin, debuttato a La Biennale de Charleroi 2015. Al momento sta creando “MonkeyMind”, un pezzo per danzatori disabili e non, una produzione di Platform K e les ballets C de la B che debutterà a Campo, Gent, nel Febbraio 2016.

IRENE RUSSOLILLO

è nata nel 1982 a Cerignola (Fg). Danzatrice, performer-attrice e giovane coreografa. E’ autrice dei soli Ebollizione e Strascichi, selezionati dalla Rete Anticorpi XL nel 2013 e 2014 e A loan (2015), co-prodotto dai festival Inequilibrio/Castiglioncello e Oriente Occidente/Rovereto. Nel 2014 vince il Premio Speciale Equilibrio Roma e il Premio Masdanza – Isole Canarie come migliore interprete ed è finalista al Premio Virginia Reiter, destinato alla migliore attrice italiana under 35. Nel 2015 vince il Premio Prospettiva Danza insieme a Davide Calvaresi, per il loro primo progetto Map. Come coreografa, è parte di ALDES. Nel settembre 2016, sarà artista in residenza presso l’Istituto Italiano di Cultura di Parigi, per il progetto di promozione dei giovani talenti italiani in Francia “Le promesse dell’arte”. A partire dal 2007 è stata danzatrice per Micha Van Hoecke, Roberto Castello, Abbondanza-Bertoni, Mario Piazza, Daniela Capacci, Francesca La Cava, Harry Albert, Claudio Bernardo, Erdem Gunduz. Ha collaborato in improvvisazione con Company Blu, in un’occasione anche al fianco di Julyen Hamilton e Takla Improvising Group. Irene ha studiato danza classica principalmente con Gabriella Musacchio, Marina Van Hoecke e Yoko Wakabayashi; danza contemporanea con Ivan Wolfe, Susanne Linke, Raffaella Giordano, Giorgio Rossi, David Zambrano; teatro fisico con Cèsar Brie; contact-improvisation con Ivan Wolfe, Adi Sha'al, Koshro Adibi e Sabine Parzer, contact-tango con Javier Cura. Nel 2013 ha frequentato la Biennale College Danza, diretta da Virgilio Sieni, nel progetto di Thomas Lebrun. Studia e pratica canto e ricerca vocale; pratica il tango argentino. Nel 2005 si è laureata in Relazioni Internazionali all'Istituto Universitario Orientale di Napoli. irenerussolillo.com

THE-SPEECH_ph-marta-comesana_1s.jpg
THE-SPEECH_ph-marta-comesana_2s.jpg

Download