banner

AUTORI------ >

Gli autori ALDES sono:
il suo fondatore e direttore artistico Roberto Castello (Premio UBU speciale nel 1985 per 'Il Cortile' e nel 2003 UBU miglior spettacolo della stagione sez. teatro-danza con 'Il migliore dei mondi possibili'), Stefano Questorio danzatore storico dal 1998 e coreografo (Premio Otello Sarzi - Nuove realtà del teatro 2007 e Premio miglior interprete, rassegna Loro del Reno 2007), Caterina Basso (Premio Masdanza20,  miglior solo) e Giselda Ranieri (Premio miglior regia all'Act Festival di Bilbao), ambedue in ALDES in vesti di danzatrici dal 2007 e 2010, Aline Nari, già interpreti in ALDES in anni passati, che insieme a Davide Frangioni da anni curano progetti in cui fondono ricerca artistica e desiderio di incontrare pubblici e contesti diversi.
Dal 2016: la danzatrice/coreografa Francesca Zaccaria (le sue ultime coreografie sono state presentate in Francia e in Germania), già interprete per R. Castello e l'artista/performer Giacomo Verde, con il quale ALDES collabora dal '98 su vari progetti. 
Con l'anteprima nazionale del luglio 2017 a Kilowatt Festival di “Kotekino Riff”, Andrea Cosentino entra a far parte di ALDES. La collaborazione con Cosentino, che ha portato in questi ultimi anni alla realizzazione di alcuni importanti progetti, diventa così strutturale. 
Dal 2018: il danzatore e coreografo Marco Chenevier (Primo premio al Be festival 2015 e Primo premio al Sarajevo Winter festival 2013) fondatore del gruppo Tida e curatore del festival TDanse, e la danzatarice coreografa Elena Pisu, anche lei proveniente dal gruppo Tida.

Segnaliamo che tra i danzatori/coreografi cresciuti professionalmente in ALDES vi sono stati: Ambra Senatore (dal 2004 al 2015), alla quale dal gennaio 2016 è stata affidata la direzione del Centro Coreografico Nazionale di Nantes (FR), Irene Russolillo (dal 2010 al 2017), Francesca Foscarini (dal 2000 al 2004 e successivamente dal 2011 al 2014), il trio foscarini-nardin-dagostin (Foscarini con Marco D'Agostin e Giorgia Nardin - dal 2011 al 2014), Silvia Alfei (2012), Claudia Caldarano (2012-2013)

 

ROBERTO CASTELLO

TrattatoEconomia_ph-ilariascarpa_2328_s.jpg
TRATTATO DI ECONOMIA
2015
in repertorio
SUB_phRCastello_03860_s.jpg
SUB
2018
in repertorio

Roberto Castello (1060), è probabilmente da ritenersi il più ideologicamente impegnato e scomodo tra i coreografi che hanno fondato la danza contemporanea in Italia.

Studia danza a Torino e a New York. Nei primi anni ’80 danza a Venezia nel “Teatro e danza La Fenice di Carolyn Carlson”. La sua attività di coreografo inizia nel 1983. Nel 1984, è tra i fondatori di Sosta Palmizi, compagnia per la quale co-coreografa e danza ne “Il Cortile” (1985) – segnalazione speciale al Premio Ubu, e in tutte le produzioni collettive successive.
Intraprende una carriera da solista nel 91 con “Enciclopedia” e firmando diverse coreografie per la Compagnia di Balletto del Teatro Regio di Torino.

Nel 1993 fonda ALDES (www.aldesweb.org) con cui conduce sperimentazioni tra danza, arti visive e nuove tecnologie e realizza numerose produzioni teatrali e non, tra cui il provocatorio “Siamo qui solo per i soldi” (1994-‘95), “Biosculture” (1998), installazione multimediale modulare per spazi espositivi,” Il fuoco, l’acqua, l’ombra” (1998), spettacolo-installazione in collaborazione con Studio Azzurro, “Le avventure del Signor Quixana” (1999/2000 – Premio Danza & Danza) in collaborazione con Paolo Atzori, oltre a diverse coproduzioni internazionali.

Nel 2002 inizia il progetto pluriennale in dieci parti “Il migliore dei mondi possibili” (Premio UBU 2003, miglior spettacolo sezione teatro-danza), giunto attualmente al suo nono capitolo.
Nel 2010 cura le coreografie per “Vieni via con me” di Rai 3, di con Fazio e Saviano.
Nell’ottobre 2011 crea Carne Trita – concerto per voce e danza, che debutta al Teatro Cà Foscari di Venezia.
Nel 2013 partecipa, con i danzatori di ALDES e in qualità di coreografo, alla realizzazione di due film-installazioni a firma di Peter Greenaway, “The Towers” a Lucca e “The Dance of Death” a Basilea.
Nel 2014 cura, oltre alle stagioni di SPAM!, la prima edizione di Ring festival, il primo festival nella città di Lucca sulle arti performative / danza / arte, con uno sguardo europeo sulla danza (agosto '14 – www.ringfestival.it).
Nel 2015 è invitato a curare le coreografie per il festival La Notte della Taranta (Salento), debutta  in collaborazione con la compagnia con “In girum imus nocte et consumimur igni”, radicale lavoro coreografico sull'inesauribile insorgere dei desideri, debutta con “Trattato di economia”, coreocabaret sulla dimensione economica dell'esistenza, in duo con l'attore Andrea Cosentino ed è chiamato come coreografo ospite dall'accademia Zukt di Francoforte.

Nel 2017 crea e cura il blog “93% - materiali per una politica non verbale” una piattaforma di riflessione, confronto, e scambio di materiali sul linguaggio non verbale, sulla festa, sul ballo, sul potenziale politico del corpo e dei comportamenti.

E’ promotore e curatore di varie manifestazioni tra cui: Strade Contemporanee '97/'99, Rizoma ’05/'07, Tempi di Reazione - happenings multidisciplinari di improvvisazione, rassegne di videoarte e incontri letterari, Reporters (2008/2009/2010), cura la direzione artistica del festival Short Formats (2009) al Teatro Dell'Arte e alla Triennale di Milano e, nel 2008, dà vita a SPAM! rete per le arti contemporanee, centro di produzione coreografica con sede in Toscana che organizza residenze artistiche, workshop, stagioni multidisciplinari e attività didattiche.

Interessato da sempre al valore educativo dell'arte, si è sempre impegnato attraverso laboratori e seminari, a divulgare e a fare conoscere la pratica coreutica contemporanea, fino ad attivare, dal 2005, il Corso di coreografia digitale presso l'Accademia di Belle Arti Brera 2 di Milano, dove è stato docente fino al 2015.


 

www.aldesweb.org
www.aldesweb.org/it/robertocastello
www.spamaweb.it
www.novantatrepercento.it
 

STEFANO QUESTORIO

blu06_S.jpg
THE ANGELIC CONVERSATION
2011
fuori repertorio
LE COSE_0169_S.jpg
LE COSE
2008
in repertorio
ALBUM_ph-R-Castello_0796_s.jpg
ALBUM
2016
in repertorio


Nasce a Thiene (VI) il 26/08/1968.
Si laurea in Storia della danza all’Univeristà di Bologna.
Interprete e autore di danza e teatro, lavora come interprete con compagnie italiane e internazionali tra cui: Wim Vandekeybus, Studio Azzurro, Societas Raffaello Sanzio, Company Blu e altri. Dal 2001 collabora con ALDES di Roberto Castello e partecipa come interprete e coautore alla decalogia Il Migliore dei Mondi Possibili (premio Ubu 2003), e numerose altre creazioni tra cui il recente In Girum Imus Nocte et Consumimur Igni (2015). Come autore ha firmato alcuni lavori tra cui Specie di Spazi con Valentina Buldrini (2006) Le Cose (2008) ed il recente Album (2016). Con Spartaco Cortesi ha avviato nel 2013 il progetto su D. Jarman The Angelic Conversation e il progetto musicale Play it again S. Nel 2011 collabora alle coreografie per la trasmissione Rai Vieni Via con Me. Nel 2013 partecipa alle video installazioni The Towers e Dance of Death di Peter Greenaway. Nel 2014/ 2107 è in tour con lo spettacolo Go Down Moses di R. Castellucci, e lo spettacolo interattivo per l'infanzia Pop Up Garden della compagnia TPO.

 

www.aldesweb.org

CATERINA BASSO

Caterina_Basso_foto-Camilla-Casadei-Maldini_S.jpg
IL VOLUME COM'ERA
2013
in repertorio
UnMinimoDistacco_ph-CamillaCasadeiMaldini_9501s.jpg
UN MINIMO DISTACCO
2016
in repertorio

Caterina Basso è danzatrice e coreografa. Si laurea in Scienze della Comunicazione presso l’Università di Bologna, con una tesi in Semiologia del teatro.
Parallelamente la sua formazione di danzatrice è segnata dall’incontro con maestri ed artisti di fama internazionale.

Nel 2006 viene selezionata per il corso di ricerca coreografica IFA di Polverigi, alla fine del quale presenta il suo primo lavoro coreografico.

Dal 2007 collabora con ALDES e Roberto Castello, danzando in diverse produzioni e lavora anche con altre compagnie tra cui Motus, Laura Moro, Silvia Traversi. Negli stessi anni trascorre periodi intensivi di studio a Tel Aviv con Batsheva Dance Company, a Berlino, ospite della compagnia di Sasha Waltz, e a New York.

Nel 2009 inizia la collaborazione con Ambra Senatore per il duo Passo, che vince il Premio Equilibrio di Roma. Da allora è interprete e collabora alla creazione di Passo quintetto, Studio, A posto, Insalata al veleno, Petites Briques e Aringa Rossa che a febbraio 2015 è presentato al Théatre de la Ville di Parigi.

Nel 2013 entra a fare parte degli autori Aldes e crea il suo primo assolo Il volume com’era all’interno del progetto Prima Danza della Biennale di Venezia, che viene selezionato dalla rete Anticorpi XL 2014 e ottiene il premio come miglior solo al Festival Masdanza 2015. Nello stesso anno comincia a lavorare al suo secondo assolo “Un minimo distacco”.  


www.aldesweb.org

GISELDA RANIERI

TINA_ph_IlariaScarpa_9292_2-S.jpg
T.I.N.A.
2017
in repertorio

 

Nasce a Genova nel 1983.
Danzatrice di formazione classica e contemporanea, dal 2008 ricerca nel campo della composizione istantanea collaborando spesso con il gruppo Takla Improvising Group (Piccole Meraviglie, Festival PULSI) e con musicisti (Enrico Intra, Giovanni Falzone, Filippo Monico, Giancarlo Locatelli).
Tra i membri fondatori di UBIdanza/ Aline Nari e Davide Frangioni con cui lavora in compagnia dal 2008.
Dal 2010 collabora con la Compagnia ALDES/Roberto Castello.
Laureata in Discipline dello Spettacolo dal vivo e specializzata in Danza presso il DAMS di Bologna con la storica della danza Eugenia Casini Ropa.
Negli anni studia per la danza fra gli altri con Dominique Dupuy, Carolyn Carlson, Julyen Hamilton, Katie Duck, Ivan Wolfe, Giorgio Rossi, Virgilio Sieni, Michele Abbondanza, Aline Nari, Simona Bertozzi, Manuel Ronda e per il teatro con Danio Manfredini e il Teatro delle Moire.

www.aldesweb.org

 

ALINE NARI / DAVIDE FRANGIONI

Aline-Nari_Danze minute_ph-Valbino_s.jpg
DANZE MINUTE
2000
in repertorio
00_Il colore-rosa_ph-AnneClaireBudin_small.jpg
IL COLORE ROSA
2016
in repertorio
LUCE_ph-Diane_ilariascarpa_lucatelleschi_04_s.jpg
LUCE
2018
in repertorio

Dal 2004 Aline Nari e Davide Frangioni collaborano alla creazione di spettacoli per il teatro e lo spazio pubblico. Sono stati presentati ed ospitati con i loro lavori in diverse città italiane ed europee, hanno beneficiato del sostegno di realtà organizzative nazionali e internazionali (fra cui: Teatri di Vita, Associazione Sosta Palmizi, Associazione ARTU/festival Corpi Urbani, Teatro Akropolis, MDI Leap Dance Festival-UK, DCM Foundation-RO, Lieux Publics-FR, Junge Hunde Network, Ciudades Que Dançan Network, In situ Network), sono stati prodotti nell'ambito di progetti europei (Least Common Multiple, Dance Channels) .
Oltre agli spettacoli Nari e Frangioni hanno realizzato alcune creazioni per il video (Beatrice al mercato, La città è alta un metro) in collaborazione con il regista M. Mirabella e partecipato come danzatori e coreografi al film Dancing cities del regista catalano Roger Gual.
Parallelamente all'attività artistica, Aline e Davide svolgono una costante ricerca anche in campo didattico volta non solo alla formazione di giovani danzatori, ma a promuovere iniziative che contribuiscano all'allargamento del pubblico, incentivino lo scambio generazionale e il rapporto con la realtà urbana.
Nel 2008 sono inoltre tra i fondatori di UBIdanza, associazione culturale con sede a Genova, attraverso la quale realizzano progetti in collaborazione con: Università di Genova (Facoltà di Lettere e Filosofia), Genova Palazzo Ducale Fondazione per la Cultura, Teatro Akropolis, Associazione ARTU/Festival Corpi Urbani, UNICEF Provinciale (www.ubidanza.com). Dal 2014 collaborano con Fondazione Toscana Spettacolo nell'ambito di iniziative volte alla formazione del pubblico della danza. Dal maggio 2014 sono autori ALDES.



ALINE NARI, coreografa, danzatrice, studiosa di letteratura e teatro. Formazione classica e contemporanea (borse di studio: Regione Toscana/UE-Formazione Danzatore/Interprete totale, Unige/New York University- Master in danza con D. Dunn). Inizia l’attività professionale nel 1993 (Cia Arbalete) e dal 1998 al 2007 lavora  nella Compagnia Sosta Palmizi danzando sia con R. Giordano sia con G. Rossi. Debutta come coreografa nel 2000 con Danze minute e da allora crea diversi spettacoli e fonda con Davide Frangioni l'Associazione UBIdanza. Collabora con videomaker J. Herbert, M. Mirabella, R. Gual, il regista G. Gallione, i coreografi C. Manolescu, J. Jérémie, la compagnia ALDES/R. Castello. Dal 2005 lavora con il regista M. Znaniecki per il quale firma le coreografie di alcune opere liriche (Ascanio in Alba, Samson et Dalila, Candide, Krol Roger)  negli allestimenti del Teatro Comunale di Bologna, Teatro del Giglio di Lucca, Teatro Wielki di Poznan (PL),  Obaob/OLBE di Bilbao (ES), Thessalonki Concert Hall (GR), ecc. Dottore di Ricerca in Italianistica presso l’Università di Genova, cultore di Storia del Teatro presso l'Università di Pisa, ha pubblicato saggi su teatro, letteratura e danza in riviste specialistiche, presso  Bompiani Editore e per Marsilio ha curato l'edizione nazionale de La scuola di ballo di C. Goldoni.
Dal 2015 insegna Storia della danza presso l'Università di Pisa, corso di Laurea Magistrale SAVS.

DAVIDE FRANGIONI – perfomer, danzatore, coreografo, si avvicina alla danza dopo un percorso eclettico (Belle Arti, arti marziali, installazioni performative) grazie al Corso di Formazione in Mimo Teatrale della Provincia di Genova. La sua attività professionale inizia nel 2002 con la Compagnia Arbalete e lavora in seguito con il Teatro dell’Archivolto, il gruppo Araiké,  il coreografo rumeno C. Manolescu, la coreografa francese J. Jéremie. Dal 2004 collabora con Aline Nari con la quale crea diversi spettacoli e fonda l'Associazione UBIdanza. Partecipa inoltre al progetto Steps from Tuscany di Giorgio Rossi (Mosca, novembre 2007) e nel 2008 crea il solo X4MEN-Performen (Vetrina Anticorpi XL) cui segue Elogio all'attesa. Nel 2010 cura i movimenti per gli spettacoli Pater Familias e Hey Mummy della Compagnia Kronoteatro. Parallelamente all'attività artistica si dedica inoltre allo studio e alla ricerca nel campo dell’arte gladiatoria antica, sotto la guida del Maestro d’armi Corrado Tomaselli Casale.

 

www.aldesweb.org

www.ubidanza.com
 

GIACOMO VERDE

Cittadini-fai-da-te_FRotelli_0341_s.jpg
CITTADINI FAI DA TE
2016
in repertorio
L-alberoDellaFelicita-G-Verde-Mucche_s.jpg
L'ALBERO DELLA FELICITA'
2016
in repertorio

Giacomo Verde si occupa di teatro e arti visive dagli anni 70. Dagli anni 80 realizza oper'azioni collegate all'utilizzo creativo di tecnologia "povera": videoarte, tecno-performances, spettacoli teatrali, installazioni, laboratori didattici. E' l'inventore del "tele-racconto" - performance teatrale che coniuga narrazione, micro-teatro e macro ripresa in diretta - tecnica utilizzata anche per video-fondali-live in concerti, recital di poesia e spettacoli teatrali. E' tra i primi italiani a realizzare opere di arte interattiva e net-art. Ha collaborato con diverse formazioni come autore, attore, performer, musicista, video scenografo e regista.  E' docente di regia  all'Accademia di Torino e di video teatro all'Accademia di Macerata. Ha lavorato con i detenuti, animato 'Euclide', il personaggio virtuale interattivo, ha creato giochi "poveri" alternativi per l'utilizzo intelligente della televisione, ha fondato la SeStessiVideo produzioni, ha insegnato a distruggere televisori, ha scritto, polemizzato, inventato formule e definizioni. Riflettere sperimentando ludicamente sulle mutazioni tecno-antropo-logiche in atto e creare connessioni tra i diversi generi artistici e' la sua costante.
Dal 1998 vive a Lucca.

www.aldesweb.org
www.verdegiac.org

FRANCESCA ZACCARIA

carnet_erotico_phDIANE_ilariascarpa_lucatelleschi_4853-s.jpg
CARNET EROTICO
2017
in repertorio

Francesca Zaccaria
danzatrice coreografa pittrice

Unisce alla ricerca in danza un dialogo stretto con la pittura quale testimone diretta ad un ascolto percettivo più denso e sostanziale del gesto, nella sua complessità rivelante.
Una nota “urgente” legata alla materia corpo e alla sua scrittura per immagini continuamente tratta ed evocata.
 

Diplomata in Pittura, presso l'Accademia Ligustica di Belle Arti di Genova, ottiene una borsa di studio Progetto Erasmus '98-'99 presso l'Université d'Arts Plastiques Saint-Denis, Paris.
Dal 2002 integra alla Danza la pratica delle Arti Marziali seguendo la formazione del Metodo Noro/Kinomichi, dell'Aikido e della Spada Giapponese. Attualmente ed inoltre, si dedica alla pratica dello Yoga della tradizione non duale del Kashmir così come trasmessa da Eric Baret. E' stata interprete per la Compagnia ALDES/Roberto Castello, Compagnia Abbondanza/Bertoni, nel progetto "Autour de Blowin" di Catherine Diverrès, nel Coro in "Enrico V" di Pippo Delbono, in diverse Produzioni del Teatro dell'Archivolto di Genova.
Nel 2005 vince il Premio Junge Hunde/Sosta Palmizi Network con la sua prima coreografia.
Nel 2007 insieme a Giovanni Di Cicco fonda la Compagnia Dergah Danza Teatro in residenza coreografica presso il Teatro dell'Archivolto di Genova. Nel 2013 viene invitata alla Folkwang Institute of Contemporary Dance di Essen-Werden per tenere un workshop e successivamente per produrre "Andrii", coreografia per il Tanzabend 2015 realizzata con gli studenti del III anno di studi.
Le sue ultime coreografie “A SOLO DRAMA” 2013 e "L'ARTISTA CADE (come frutto e figlio)” 2014, prodotte in collaborazione con il teatro dell'Archivolto, sono state presentate in Francia e in Germania. Attualmente lavora in Francia con la Cie Sic.12/Gustavo Giacosa ed è parte degli autori ALDES.
Nel 2016 per l'Academy of Performing Arts di Bratislava crea "Bodies Garden/ Krajina Snov" con gli studenti del I II III anno di studi del dipartimento di Teatro Danza.

ANDREA COSENTINO

Kotekino_riff-ph-RobertoPavani_5034_s.jpg
KOTEKINO RIFF
2017
in repertorio

Andrea Cosentino

Attore, autore, comico e studioso di teatro.

E' inventore, proprietario, conduttore e conduttrice unico/a di Telemomò, la televisione autarchica a filiera corta. Tra i suoi spettacoli 'La tartaruga in bicicletta in discesa va veloce', il ‘dittico del presente’ costituito da 'L'asino albino e Angelica' (i cui testi son pubblicati in Carla Romana Antolini (a cura di), Andrea Cosentino l’apocalisse comica, Roma, Editoria e spettacolo, 2008), Antò le Momò-avanspettacolo della crudeltà, 'Primi passi sulla luna' (il cui testo in versione narrativa è pubblicato da Tic edizioni), 'Not here not now' e (in collaborazione con Roberto Castello / ALDES) 'Trattato di economia'.

Le sue apparizioni televisive vanno dalla presenza come opinionista comico nella trasmissione AUT-AUT (Gbr-circuito Cinquestelle) nel 1993 alla partecipazione nel 2003 alla trasmissione televisiva Ciro presenta Visitors (RTI mediaset), per la quale inventa una telenovela serial-demenziale recitata da bambole di plastica. E' promotore del PROGETTO MARA'SAMORT, che opera per un'ipotesi di teatro del-con-sul margine, attraverso una ricerca tematica, linguistica e performativa sulle forme espressive subalterne.
 

www.aldesweb.org

 

MARCO CHENEVIER

Quintetto_ph-Alex-Brenner_3C6444_web.jpg
QUINTETTO
2013
in repertorio

Marco Chenevier nasce ad Aosta il 4 luglio 1983.
E' coreografo, danzatore, regista e attore.

Danza in diverse compagnie tra Italia e Francia (Romeo Castellucci e Cindy Van Acker, Cie CFB451 in seno al CCN di Roubaix - Carolyn Carlson, Cie Lolita Espin Anadon,...)

Da subito interessato alla composizione coreografica sviluppa un percorso di ricerca a cavallo tra i generi, esplorando i confini tra i linguaggi della danza e del teatro.

Fonda e dirige per dodici anni la compagnia TiDA, luogo che diventa il suo principale strumento di produzione e sperimentazione.
Nel 2016 l'incontro con Roberto Castello mette in evidenza un'affinità intellettuale che porterà, durante il 2017, ad un accompagnamento sulla produzione “questo lavoro sull'arancia” e che si concretizzerà in una fusione tra le strutture di TiDA e ALDES, compagnia nella quale Chenevier entrerà con la sua équipe dal 2018.

Ha firmato oltre quindici produzioni con le quali è stato invitato, tra gli altri:
Be Festival 2015 (UK) – primo premio miglior spettacolo, International Mess Festival (Bosnia), Teszt Festival (Romania), OpenDance Festival (Italia), HangartFest (Italia), Differenti Sensazioni (Italia), Festival Teatri di Vetro (Italia), FITT Festival di Tarragona (SP), Noorderzon Performing Arts Festival (NL), Festival Mirabilia di Fossano (Italia), Morenica festival (Italia), Caffeine Festival (Italia), International Ancient Greek Drama Festival (Cipro), Saison Culturelle d'Aoste (Italia), Barhat Rang Mahotsav Festival (India), Festival VD'A – Voci dell'anima (Italia), Torino Fringe Festival (Italia), Peraspera Festival (Italia), Sarajevo Winter Festival (Bosnia) – primo premio per la danza contemporanea, Festival Maratò de l’Espectacle (Spagna), Pflasterspektakel Festival di Linz (Austria), Festival di Namyangju (Corea del Sud), Zdarzenia Festival de Tchew (Polonia), Giochi del Mediterraneo (Italia), Spazi d'Ascolto (Italia), Settembre in Danza (Italia), Torino Spiritualità (Italia), Festival Exister (Italia)

E' stato direttore artistico di diversi eventi tra cui il Festival "Morg-Ex Machina", il “Roma Street Art Festival”, la rassegna itinerante “Le marmotte non dormono” e cura attualmente la direzione artistica del Festival T*Danse Danse & Technologie e di altri
progetti speciali.

 

www.aldesweb.org
www.spamweb.it
www.novantatrepercento.it 
www.tdanse.net

 

ELENA PISU

RITRATTO-DI_elena-pisu_s.jpg
RITRATTO DI
2017
in repertorio

Elena Pisu è danzatrice e coreografa.

Si forma nel Regno Unito frequentando la London Contemporary Dance School e la Northern School of Contemporary Dance (BPA Dance Degree), prosegue la sua formazione al Modem Studio Atelier della Compagnia Zappalà Danza e studiando con Les Ballets C. De la B., DV8, H2dance, Wayne Mc Gregor, Henri Oguike, Richard Alston.

Nel 2011 il suo primo lavoro autoriale vince il progetto RIgenerazione del Teatro Stabile di Torino ed è ospitato dai festival Interplay e Ammutinamenti per la Vetrina della giovane danza d'autore.
Dal 2013 entra a far parte della compagnia TIDA Théâtre - Danse come interprete e, dal 2015, come autrice associata.
Nel 2015/16 sviluppa il progetto di ricerca Corpocentrico con il sostegno di Workspace Ricerca X, spazio di ricerca ideato da Carlotta Scioldo ed Erika Di Crescenzo e sostenuto da Piemonte dal Vivo.
È stata interprete per le compagnie genau dance collective, Teatro di Castalia, Stalker Teatro, ma anche in progetti afferenti all'arte visiva e site specific con Alessandro Mendini, Collective Intelligence, Gianni Ricciardi.
Dal 2018 entra in ALDES come autrice e responsabile delle residenze ed ospitalità artistiche del progetto SPAM!


www.aldesweb.org
www.spamweb.it
www.novantatrepercento.it